Informazione giuridica

CAN CHE ABBAIA...PROVOCA DANNI

art. 659 del codice penale, disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.
Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici, è punito con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a euro 309.
Risponde del reato de quo il proprietario di cani, tenuti in un giardino recintato, che non impedisca il loro continuo abbaiare, tale da arrecare disturbo al riposo delle persone dimoranti in abitazioni contigue (Cass. Pen., Sez. I, 24 gennaio 2012, n. 7748; v. altresì Cass. Pen., Sez. III, 3 luglio 2014, n. 45230); chi lasci un cane chiuso all'interno di un'autovettura (nella fattispecie parcheggiata in zona utilizzabile per il parcheggio e prossima alla sede della gestione amministrativa di un porto), quando il suddetto cane, agitandosi, abbia azionato la sirena di allarme (Cass. Pen., Sez. I, 12 marzo 2003); chi, custodendo presso la propria abitazione numerosi cani di grossa taglia e pappagalli, non ne impedisca latrati, guaiti e strepiti in ogni ora del giorno e della notte (Cass. Pen., Sez. I, 17 dicembre 1993); chi non impedisca gli strepiti di un merlo indiano esposto sulla pubblica via, esclusa al traffico (Cass. Pen., Sez. I, 30 aprile 1993); chi lasci bovini seviziati e digiuni nella stalla, in un centro rurale, senza adottare cautele perché i muggiti e gli strepiti degli animali arrechino disturbo alla quiete delle persone (Cass. Pen., Sez. III, 25 novembre 1957); chi non impedisca il canto del proprio gallo per ampi periodi durante le ore notturne.


Cass. Pen., Sez. III, 9 dicembre 2015, n. 48460

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok